Madonna del Soccorso

La Processione della Madonna del Soccorso

Sciacca è una delle città più grandi della provincia di Agrigento e con le sue tradizioni, la ceramica, il mare, i monumenti e le chiese, è una delle mete più ambite dai turisti italiani ed esteri.
Tra i diversi eventi saccensi, uno dei più importanti e amati dalla città di Sciacca, è sicuramente rappresentato dalla festa della Madonna del Soccorso, Patrona della città che, due volte all’anno, viene celebrata con canti e preghiere per le vie del Centro Storico, rievocando un evento passato in cui, durante una processione, la Madonna pare abbia miracolato la cittadina dalla peste nel 1626.

Sciacca

Sciacca

La festa, particolarmente sentita dal popolo saccense, viene celebrata il 2 Febbraio – dopo il voto fatto rigorosamente a piedi scalzi dai fedeli il giorno precedente – e nel caldo giorno di Ferragosto. La statua della Madonna, pesante alcune tonnellate, viene portata a spalla da decine di marinai scalzi, che da sempre dimostrano in questo modo la fede, l’attaccamento e la passione che provano per la Patrona della città.

dig

Madonna del Soccorso di Sciacca

Si narra che la statua, alta 1,65 e con 7 quintali di peso, arrivò a Sciacca, via mare, nell’ottobre del 1504, e venne collocata nella chiesa S. Barnaba. Nel 1753 fu poi posta nella chiesa S. Agostino e, nell’800, per volere del popolo, trovò posto nella chiesa Madre, dove permane ancora oggi.

Una delle leggende più suggestive che si cela dietro la tradizionale processione è la così detta “fumata bianca”, evento miracoloso che avvenne nel febbraio del 1626, in cui, durante le fasi religiose, all’improvviso si sprigionò un fulmine nel cielo sereno e dalla base della statua si levò un denso fumo bianco che irrorò i fedeli. Da quel momento si narra che la città venne liberata dalla peste e per celebrare il miracolo ogni anno viene ricordato l’episodio riproducendo la suggestiva fumata bianca, nel medesimo luogo dove avvenne durante la processione nel lontano ‘600.

Processione Madonna del Soccorso

Processione Madonna del Soccorso

Sono queste tradizioni che rendono uniche l’Italia e la Sicilia nell’immaginario collettivo, ma non è una semplice trasposizione teatrale, la passione che i partecipanti tutti trasmettono, con il proprio ardore, il proprio sudore, e la profonda fede, rende tutto profondamente autentico. Il turista lo chiama folklore, noi la chiamiamo passione.

Rahma

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>